Passa ai contenuti principali

Post

Post in evidenza

Il pastore e le pecore (storiella sufi)

"Una volta c'era un uomo che allevava delle pecore e ne faceva latte, formaggi e carne da mangiare. Il gregge era molto numeroso, infatti egli era molto ricco, ma era tanto ricco quanto avaro e dunque non aveva voluto mettere un recinto, non aveva assunto pastori che se ne occupassero e non badava troppo alla loro sussistenza.
Conseguenza era che i poveri animali solevano perdersi, finire preda di altri predatori, cadere nei precipizi o semplicemente trovare la propria strada per non tornare mai più. Non di rado capitava anche che, accortisi delle malevoli intenzioni carnivore del padrone, fuggissero da lui non vedendo chiaramente piacevole una loro dipartita per compiacere i suoi gusti culinari. Ad egli non piaceva questa situazione ma non per nulla aveva intenzione di uscire un denaro. Così trovò un'altra soluzione.
La leggenda vuole che quest'uomo fosse anche un mago molto potente.
Decise di ipnotizzare le proprie pecore e, come prima cosa, le convinse di essere imm…
Post recenti

Černobyl', la serie tv

Se sono giunto a consigliare di vedere questo film-serie-documentario sul disastro di Černobyl', è perché se da una parte aiuta a ricordare quello che successe, delle tante bugie che raccontarono (grazie a Dio, di pseudo-verità o fake news non se ne parlava, quindi ad oggi non conosco negazionisti dell'evento), d'altro canto la cura nei dettagli della ricostruzione storica è lodevole (poche sono le deroghe o le frasi fuori posto), come mostra questo filmato, dove ho difficoltà a tenere a mente qual'è il lato della realtà, se a destra o a sinistra.
Approfondimenti:  - Chernobyl (miniserie televisiva), Wikipedia  - Disastro di Černobyl', Wikipedia  - Valerij Alekseevič Legasov, Wikipedia

Il ritorno dello Zar

"Dio, patria e famiglia". Slogan d'altri tempi quando in Italia si indossavano le camicie di un solo colore, quello nero. Eppure la riforma della costituzione russa del 2020 introdurrà nella carta costituzionale, l'unicità di Dio (per carità, è anche vero, ma lo stato che non associa i propri principi ad una religione è certo preferibile) e della famiglia intesa unicamente come generata da maschio più femmina (per carità ancora, è anche vero questo nel senso esoterico del termine - i principi yin e yang vanno sempre bilanciati - ma non deve essere così rigidamente applicata altrimenti si creano discriminazioni e fraintendimenti, le eccezioni possono essere tante).
La "Madre Russia" (trovo che sia un bel nome) ha alle spalle una tradizione millenaria di regni duraturi che la rivoluzione sovietica non ha cancellato, anzi rafforzato, visto che in età post-sovietica, l'attuale presidente con la nuova costituzione potrà teoricamente restare in carica fino al

Buon compleanno Alberto

Buon compleanno Alberto Sordi, ieri, 15 giugno avresti avuto ben 100 anni. Ricordo ancora da ragazzo molti dei suoi film, ricordo soprattutto quel genere di film dove, sotto l'apparente commedia all'italiana si celava un messaggio di denuncia sociale, cito ad esempio "Detenuto in attesa di giudizio" (sul problema delle carceri italiane), o "Il prof. dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste convenzionata con le mutue" (sul problema della sanità pubblica) o "Finché c'è guerra c'è speranza" (sul problema della vendita degli armamenti). Sono veramente tanti i film, nessuno fine a se stesso ovvero girati per puro divertimento, tutti con uno specifico tema di attualità. La sua filmografia è come uno specchio della realtà italiana del dopoguerra.   Grazie Alberto!

Link di approfondimento: - Alberto Sordi, Wikipedia

Gravity

Bello Gravity, film del 2013 diretto dal regista messicano Alfonso Cuarón, con un duo di attori "stellari" : George Cloney e Sandra Bullok. Un film recitato quasi interamente dai due soli protagonisti, eppure la tensione non cala nemmeno per un minuto. Ambientato nel claustrofobico spazio in orbita terrestre bassa,  un film di fantascienza con tutte tecnologie e mezzi già esistenti (Space Shuttle, telescopio Hubble, Stazione Internazionale, navette Soyuz..) a me ricorda certe atmosfere che solo i film di Hitchcock sanno evocare..!
Link di approfondimento:  - Gravity (2013 film), Wikipedia  - Alfonso Cuarón, Wikipedia

Post-verità

Molte persone negli Stati Uniti, credono o hanno creduto, durante le ultime campagne elettorali, che Obama fosse nato in Kenya (invece che nelle Hawaii) e fosse di religione musulmana.
Questa è una post-verità. E' solo un esempio. Ogni giorno, sopratutto sui social media, ci capita di ascoltare notizie che hanno una possibilità di far parte di post-verità. E magari non sappiamo nemmeno distinguere la verità da una post-verità.
Viene da chiedersi, cos'è la verità e cos'è invece una post-verità. La verità, secondo la tradizione occidentale che ha le sue origini nella Grecia classica (Aristotele, Platone), è qualcosa che è in accordo o è coerente con la realtà oggettiva. E' una coincidenza tra soggetto (verità) e oggetto (realtà) : sono la stessa cosa. La post-verità invece viene percepita come verità (ovvero vera) non perché è coerente con i fatti oggettivi, ma sulla base di sensazioni ed emozioni (a volte è la conferma di un pregiudizio).
Verità deriva dal latino veritas. In…

Libertà di vita

"E' non punibile", a "determinate condizioni", chi "agevola l'esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche e psicologiche che egli reputa intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli". Questa è la sentenza della Corte Costituzionale (N. 242 SENTENZA 25 settembre - 22 novembre 2019) riguardo al caso Dj Fabo, che ha scelto liberamente di essere assistito al fine vita. Questa è libertà.
Link di approfondimento: - Gazzetta Ufficiale - Articolo de Il Fatto Quotidiano

Interstellar come Odissea nello Spazio

Ci sono dei film che non ti stancheresti mai di rivedere. Uno di questi è Interstellar, un film del 2014 diretto dal regista Christopher Nolan. Credo che in questi casi un film possa definirsi "un classico", e dato che è un film di fantascienza che è centrato sul tema filosofico dell'esistenza umana, per me assomiglia molto al film diretto da Stanley Kubrik, "2001 Odissea nello Spazio" uscito nel lontano 1968, quasi fosse una nuova versione aggiornata alla nostra epoca.
Link di approfondimento: - Interstellar - Wikipedia - Christopher Nolan, WikipediaSpiegazione Interstellar: La scienza dietro la fantascienza - Telefilm CentralFrasi del film Interstellar