Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2009

Fa che il mio paese si risvegli

Dove la mente è impavida
e il capo è eretto,
Dove libero è il sapere
Ed il mondo non fu ridotto in briciole
da ristrette domestiche mura;
Dove le parole sgorgano
dalle profondità del vero;
Dove indefessa lotta tende le braccia
verso la perfezione;
Dove il chiaro fluir della ragione
non s'è perduto fra desertiche sabbie
delle morte abitudini;
Dove la mente è da Te sospinta
verso sempre più vasti atti e pensieri;
In quel cielo di libertà, o mio Padre,
fà che il mio paese si risvegli!

Rabindranath Tagore

Mobili per i giganti

Accade a Torino.
Sarà forse l'iniziativa del comitato di accoglienza di ospiti importanti, i Giganti, i primi a far visita al capoluogo piemontese.
Non si spiegherebbe diversamente la presenza di una comoda quanto enorme poltrona Ikea di fronte la stazione di Porta Nuova, di un divano Klippan alto 4 metri in piazza CLN, di una libreria in via Lagrange (dietro l'hotel Principi di Piemonte), o un tavolino Lack in piazza Emanuele Filiberto.

O forse sarà stato proprio Mr Ingvar Kamprad, conosciuto anche come Mr Ikea, il quinto uomo più ricco del mondo (fonte Forbes, 2009), ad annunciare che l'11 giugno aprirà a Collegno la nuova sede Ikea (trasferendosi da Grugliasco)..! E per vedere i mobili per i giganti c'è tempo fino al 10 giugno!

Dolcezze

The Case Against Shell

Ogoni e il diritto all'esistenza

"Miei fratelli, mie sorelle,
danzate, danzate, danzate.
Danzate la vostra rabbia e la vostra gioia.
Danza, popolo mio,
perché abbiamo visto il domani,
e c'è una stella Ogoni nel cielo" Ken Saro-Wiwa

Chi ha mai sentito parlare di Ken Saro-Wiwa, scrittore nigeriano, probabile candidato al premio Nobel per la Pace, se non fosse stato condannato a morte, e del popolo degli Ogoni, una delle tante tribù che vivono nel Delta del Niger, ovvero la parte meridionale della Nigeria ? Forse tutti invece conoscono la Shell, la compagnia petrolifera con l'emblema della conchiglia, la cui denominazione esatta è Royal Dutch Shell, di proprietà anglo-olandese.
Gli interessi della Shell nel Delta del Niger sono enormi: la regione del delta "galleggia" su petrolio e gas naturale. Da decenni ormai la regione è trasformata (anzi devastata) da uno sfruttamento intensivo delle risorse naturali da parte di tale compagnia, causando seri problemi all'ambiente, all'ecosistema, e inq…

Specchi di Sole

Se solo l'Uomo lo volesse, sia l'uomo comune che (a maggior ragione) chi ci governa fosse ispirato da lungimiranza e saggezza, ecco una proposta che nasce da uno studio condotto da Greenpeace, ESTELA e LEA, uno studio di fattibilità per realizzare nelle regioni desertiche africane la più grande produzione mondiale di energia elettrica, usando specchi concentratori dell'energia del Sole che sono alternativi ai più costosi pannelli fotovoltaici, già in realizzazione in Spagna e California.
Secondo questo studio, verrebbero prodotti così 1500 Giga Watt, ovvero ben un quarto del far bisogno mondiale di elettricità!

Fonte: Internationalia.net - ‘Energia pulita’, l’Africa guarda agli ’specchi’

The photo above is taken by "mrjorgen", on Flickr, Creative Commons licence.

Guinness : quale ?

Quale Guinness ? Curioso che a volte la stessa parola denoti due entità completamente diverse, come per Guinness, la mitica birra irlandese e il Guinness dei primati.
Eppure c'era in passato un legame, che oggi è definitivamente perso.

Accadde nel 1955 che Sir Henry Beaver, amministratore delegato delle birrerie Guinness, lanci l'idea di un libro dove tener traccia di tutti i record.
Il successo, che dura fino ad oggi, fu subito immediato, anzi il libro stesso divenne da record (anzi, da Guinness!), avendo una tiratura inferiore ai soli libri sacri Bibbia e Corano.
Pur non avendo nessun riconoscimento ufficiale, il libro (il Guinness World Records) ha di fatto acquistato de facto in tale materia un'autorità indiscussa.
Con la morte di Sir Henry il legame tra la birra e il libro si è persa, e in perfetto stile british, nessuno di due (il birrificio soprattutto) ha avuto nulla a che ridire sull'esclusività del nome: ad entrambi va bene così!

http://www.guinnessworldrecords.com…

Tilaka

Non sfugge a nessuno che uno dei segni distintivi degli indiani di religione Indù è rappresentato da un punto colorato, tradizionalmente rosso, disegnato in mezzo alle due sopraciglia.

Cosa significa ?

Il "punto" si chiama Tilaka (o Tilak in Hindi, o Bindu, che in sanscrito significa punto), rappresenta il cosidetto terzo occhio, e vuole essere un monito che ricorda al fedele di sviluppare la sua parte spirituale per vivere in armonia con gli altri esseri umani, onorare le divinità e per tendere all’acquisizione di facoltà mistiche.

The photo above is taken by "Dey", on Flickr, Creative Commons licence.

Bagan

Sono rimasto impressionato da questa foto, è l'antica città di Bagan (chiamata in precedenza Pagan) in Birmania: in quasi dieci chilometri quadri una foresta fittissima di templi a pagoda.

Bagan fu la capitale del primo impero Birmano, dal 874 d.C. al 1287 d.C. , sorge nella pianura centrale birmana, sulla riva orientale del fiume Irrawaddy (il principale fiume birmano che nasce dalle montegne tibetane e sfocia nel mar delle Andamane, oceano Indiano).
Gli edifici, costruiti principalmente tra il 1000 e il 1200, dopo l'invasione Mongola e il saccheggio del 1287, sono ora in rovina.

Senza successo il tentativo da parte dell'UNESCO di aggiungere Bagan nella lista dei patrimoni dell'umanità : l'attuale dittatura militare, in spregio alle regole di conservazione, restaura in maniera anacronistica i templi e vi costruisce vicino campi da golf..

Si veda il blog RatesToGo (in inglese).

The photo above is taken by "jmhullot", on Flickr, Creative Commons licence.

Liberate Aung San Suu Kyi

Pagoda Shwedagon, Rangoon, Birmania

E' credo evidente a tutti che le notizie diffuse dai media italiani si dividono in due: quelle che fanno notizia e quelle che non fanno notizia.

Ad esempio, le violenze del conflitto tra israeliani e palestinesi è sotto gli occhi di tutti e non c'è bomba o vittima che non venga raccontata, ma l'analogo massacro che sta accadendo in questi giorni in Sri Lanka sembra che non interessi proprio nessuno (dove ? Sri Lanka ? Dove si trova?) e del massacro di 3000 persone tra il sabato e la domenica 10 maggio operato dalle forze governative contro la minoranza etnica, i ribelli (le "Tigri") Tamil sembra non scandalizzare più nessuno.

Analogo è il destino di Aung San Suu Kyi, birmana, non una donna qualsiasi oppressa da uno dei tanti regimi dittatoriali, ma Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la pace nel 1991, figlia del generale ed eroe nazionale Aung San, fautore dell'indipendenza della Birmania (ora Myanmar) dal colonialismo inglese.

Numeri della Fiera del Libro

Il giorno dopo la chiusura della Fiera del Libro, riporto due (anzi tre) numeri che bene mettono in risalto come la Fiera sia il più importante evento fieristico editorale non solo italiano ma di dimensione europea:
Fiera del Libro di Torino : 307.000 visitatori
Buchmesse di Francoforte : 299.000 visitatori
Salon du Livre di Parigi : 192.000 visitatori
(fonte : La Stampa)

XXII Fiera del Libro

Termina oggi la bellissima Fiera del Libro di Torino (quest'anno svoltasi da giovedì 14 a lunedì 18 maggio), importante appuntamento annuale per la città, senza dubbio la più grande libreria d'Italia.
Conveniente anche la mia prima visita di lunedì, ultimo giorno, dove, nella migliore tradizione dei mercati, spiccavano maggiormente gli sconti sui libri.
Sottotitolo della fiera: "Io, gli altri, occasioni per uscire da guscio" e paese ospite, dopo le polemiche dell'anno scorso su Israele (chissà poi perchè) quest'anno l'Egitto.

Ecco alcune foto:




Se..

Se riesci a mantenere la calma quando tutti
intorno a te la stanno perdendo, e te ne fanno una colpa;
Se sai aver fiducia in te stesso quando tutti dubitano di te
tenendo però nel giusto conto i loro dubbi;
Se sai aspettare senza stancarti di aspettare,
o essendo calunniato non rispondere con calunnie,
o essendo odiato, non dare spazio all'odio,
senza tuttavia sembrare troppo buono
nè parlare troppo saggio;

Se sai sognare senza fare dei sogni i tuoi padroni;
Se riesci a pensare senza fare dei pensieri il tuo fine;
Se sai incontrarti con il Successo e la Sconfitta
e trattare questi due impostori allo stesso modo;
Se riesci a sopportare di sentire la verità che tu hai detto
distorta da imbroglioni che ne fanno una trappola per ingenui;
o vedere le cose, per le quali hai dedicato la vita, distrutte,
e umiliarti a ricostruirle con i tuoi strumenti ormai logori;

Se sai fare un'unica pila delle tue vittorie,
e rischiarla in un sol colpo a testa o croce,
e perdere, e ricominciare di nuovo dall'iniz…

Nobel per la Pace per tutti!

Una volta venne chiesto a Sua Santità il Dalai Lama,
"Qual è l’essenza del Buddismo?"
ed egli rispose:
"Spegnere la luce quando non serve"
(fonte).

Nell'era dell'immagine ovvero dell'esteriorità senza un ugual corrispettivo di interiorità, eccola una delle massime espressioni di asservimento al culto della persona, intendiamoci ognuno in democrazia è libero di esprimersi e quindi anche di adorare gli idoli che preferisce.
E fu così che il nostro più Grande ed Illuminato Statista Italiano del Secolo (ma anche perchè no del Millennio, meglio abbondare direbbe Totò) nonchè Presidente del Consiglio italiano sia stato proposto dai suoi umili adepti, quale candidato al Nobel per la Pace!

Leggere per credere sul sito : http://silvioperilnobel.sitonline.it/

Ragazzi, Silvio vi benedirà per questo vostro atto d'amore e di fede, ma nella sua Immensità posso immaginare che, quando dalla Svezia gli verrà notificata la candidatura, magnanimo umilmente rifiuterà non sent…

Xilografia Flammarion

"Un missionario medievale racconta che
ha trovato il punto di congiunzione tra il Cielo e la Terra.."

L'enigmatica Xilografia Flammarion è opera di un anonimo autore, chiamata così perchè apparve la prima volta nell'opera letteraria di Camille Flammarion del 1888, "L'atmosphère: météorologie populaire". Non è ancora stato possibile stabilire con certezza a che periodo risalga, potrebbe trattarsi del periodo del "Rinascimento Nordico" (tra XV e XVI secolo) o il più recente XVIII secolo.

Trovo la rappresentazione del sistema Terra-Cielo molto significativa, non a caso usata da altri autori per illustrare le loro opere, tra cui Carl Gustav Jung in "Flying Saucers: A Modern Myth of Things Seen in the Skies" (1959) (Flying Saucers è il termine inglese per dischi volanti o UFO).

Camille Flammarion (1842 – 1925) è stato un astronomo e scrittore francese, fondatore e primo presidente della Società Astronomica di Francia, e si interessò anche …

Quanto è grande l'universo ?

Domande affascinanti, su quanto sia grande l'universo, da quanto tempo esiste, com'è fatto e come evolve, trovano da anni una valida risposta, nell'ipotesi che la Teoria delBig Bang sia quella corretta.

La risposta è affermativa, possiamo saperlo, col modello matematico attualmente considerato il migliore possibile. E a dircelo è la famosa "costante di Hubble", forse una delle costanti più importanti dell'astrofisica (insieme alla costante della velocità della luce).

Un articolo di Le Scienze (leggi) riporta che recentemente, il Telescopio Spaziale Hubble (HST = Hubble Space Telescope), il gioiellino di tecnologia in orbita intorno alla Terra dal 24 aprile 1990 da un progetto congiunto NASA ed Agenzia Spaziale Europea (ESA), ha misurato con maggiore accuratezza la costante di Hubble, che prende il nome dall'astrofisico Edwin Hubble.
Il suo valore è:

H0 = 74,2 Km/s per megaparsec,
errore di ± 3,6 Km/s per megaparsec.

Essa fa parte della legge di Hubble la quale…

Giornata del Loto Bianco

Trovo che sia un fiore affascinante, il fiore di loto. Ha un fascino orientale, come lo è appunto la sua provenienza, dai paesi asiatici tropicali .
Particolare è la simbologia che vari popoli, nel corso della loro storia, gli hanno assegnato, dagli antichi egizi agli indù e buddisti fino ai giorni nostri (vedi il movimento teosofico). Comune a tutti i popoli è il profondo significato di elevazione spirituale che questo fiore incarna e quindi di sacralità.

Secondo gli antici egizi, dal fiore di loto sono nate molte divinità, dal dio solare Ra, ai quattro figli di Horus (il dio falco), a Nefertem figlio di Ptha. Ricorrente era inoltre la raffigurazione del fiore di loto nell'architettura, si pensi alle decorazioni sulle colonne dei templi e nelle tombe.

Presso gli indù denota la creazione. Sebbene il fiore nasca spontaneo in stagni e palude, affondando le sue radici nel fango e distendendosi sulla superficie delle acque stagnanti, si eleva da esse rimanendo puro ed immacolato in tutta…

Elogio alla Nutella

La migliore industria del mondo, come reputazione presso la clientela ?
E' l'industria dolciaria Ferrero di Alba, Piemonte.

La classifica è stata fornita dalla Reputation Institute, e diffusa dalla rivista Forbes (leggi articolo). Nell'indagine sono state considerate più di 600 aziende in tutto il mondo, e in cima alla classifica, citando Forbes, si legge: "On top: chocolate-maker Ferrero". Seconda, Ikea, terza Johnson & Johnson, quarta l'industria petrolifera brasiliana Petrobras.

Non mi resta che dire, evviva la Nutella!

The photo above is taken by "lastmodified", on Flicker, Creative Commons licence.

Salvare le foche

Per chi non fosse ancora convinto, ecco uno dei tanti motivi per cui ha senso che esista un'Unione Europea con una funzione legislativa svolta dal parlamento che nella prossima chiamata elettorale a giugno saremo chiamati a rinnovare.

E' stata approvata i giorni scorsi, in maniera quasi plebiscitaria, una legge che mette al bando ogni importazione nella U.E. di tutti prodotti derivanti dalla foca (ad esempio : cappelli, guanti, cosmetici e oli).
La speranza è rendere non economica la caccia che ogni anno compie un eccidio di 900.000 capi (fonte Il Manifesto, "L'europa con le foche"), operata principalmente da stati quali Canada, Norvegia, Russia, Namibia.

The photo above is taken by "yeimaya", on Flickr, Creative Commons licence.

Brinda con papi

Non ci devono essere notizie abbastanza serie nel mondo, se oggi le prime pagine dei giornali italiani sono dedicate all'imminente causa di divorzio del nostro Presidente del Consiglio conseguente alla sua partecipazione alla festa di compleanno di una diciottenne che lo chiama "papi".
Si sa, ogni popolo ha il capo che si merita, e se la maggioranza degli italiani ha scelto lui un motivo di affinità (o di desiderio di imitazione, o di protezione) ci deve pur essere. A me sinceramente questi motivi sfuggono.

Dispiace tuttavia assistere a questo triste teatro, infantilesco nei toni, non tanto nel merito quanto per la persona che viene coivolta, ovvero una delle più alte figure istituzionali che rappresenta l'Italia, e che quindi dovrebbe esprimere il meglio di noi.
L'apice del teatrino è stato raggiunto con le foto della festa di compleanno, diffuse dal telegiornale(?) Studio Aperto su Rete4 e dal settimanale Chi.
Chi afferma che sono palesemente (e anche maldestrament…