Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2008

Paradisi fiscali

This photo is taken by "kenyai" on Flickr, Creative Commons licence

Ho l'impressione che sia il DVD più caro del mondo, quello che nei giorni scorsi è stato pagato dai servizi segreti tedeschi (la BND, nome corto per Bundesnachrichtendienst) a Heinrich Kieber, un ex dipendente della banca Lgt (Liechtenstein Global Trust), un DVD costato oltre 4 milioni di euro, contentente una lista con un certo numero di correntisti di quella banca, sottratti da Kieber nel 2002 quando all'epoca era addetto alla digitalizzazione degli archivi.

Notevole, se si pensa che la Lgt non è una banca qualsiasi ma la banca della casa regnante del piccolo principato oltre ad essere situata in uno degli stati noti come "paradisi fiscali", con le conseguenze che possiamo immaginare (dal Corriere leggo che alcuni nomi potrebbero essere legati ad organizzazioni criminali, specialmente russe).

Ed ora, mentre il governo tedesco prosegue la sua lotta (meglio sarebbe dire: guerra) all'evasi…

Come fare carriera con Internet

E' provato: Internet è una grande opportunità per far carriera e per trovare lavoro. Senza che io abbia mosso un dito, stamattina scopro di essere diventato niente-poco-di-meno-che un "manager regionale" (di cosa?) ... ma vi lascio leggere la missiva che mi è arrivata per email:

Benvenuto in WPP Group!

Grazie, siete molto gentili.. ma chi siete? Evidentemente sto perdendo la memoria se non mi ricordo di voi... eh l'età l'età.. comincia a farmi brutti scherzi :-)

Noi siamo lieti che Lei desidera di unirsi con la nostra squadra!

Veramente, senza volerVi deludere (anch'io Vi porto rispetto), non l'ho mai desiderato... però, pensandoci bene, magari è sempre stato il sogno della mia vita far parte di una squadra ed io non lo sapevo :-) ...

Lei deve collaborare con noi...

E chi lo dice che "devo" collaborare con voi ?? Se no cosa mi fate ? Mi legate ? Mi sequestrate ? Mi mandate dei sicari sotto casa ? Forse i Bravi dei "Promessi sposi" ? "…

Webdays

Webdays - Le giornate della rete - Venerdì e sabato scorso si è svolta a Torino, nell' aristocratica cornice del "Circolo dei lettori" (via Bogino 9), una manifestazione organizzata dal comune di Torino e da CentroScienza, evento divulgativo sulle nuove tecnologie informatiche e della comunicazione.

Interessante il dibattito al quale ho assistito, dal tema "Giornalismo on line, rivoluzione digitale o guerra generazionale?", dove si è parlato anche di blog e di blogger, in alcuni casi diventati fonte di notizie per i giornalisti, talvolta realizzando così una forma moderna di "city journalism".

On the road

All'incrocio tra via Andrea Doria e via Carlo Alberto, a Torino, è parcheggiato in questi giorni un mezzo di trasporto sicuramente originale, disponibile anche a noleggio..

Giovedìscienza

Come annunciato, ieri sono stato a quello che è diventato uno dei punti forza della divulgazione scientifica cittadina: "Giovedìscienza", ciclo di conferenze scientifiche ad alto livello, tradizionalmente ospitate il giovedì pomeriggio al teatro Colosseo dal 1987 (e da allora si sono svolti oltre 300 incontri).
Ieri il giornalista e divulgatore scientifico Piero Bianucci intervistava Ilario Signoretti, dirigente GTT - Gruppo Torinese Trasporti, intervenuto per esporre la progettazione della metropolitana di Torino e delle tecniche costruttive, in particolare della TBM ("Tunnell Boring Machine"), comunemente definita "la Talpa" dai torinesi.

Maratona di Maratone

This photo is taken by "ImageMD" on Flickr, Creative Commons licence

Sarà proprio così: sabato 23 febbraio 2008, alle ore 11, al parco Ruffini a Torino, un uomo cercherà di stabilire un record da Guinness dei primati : correre il maggior numero di maratone nel minor arco di tempo.
Il record appartiene all'americano Dean Karnazes, che ha corso 50 maratone in 50 giorni; sabato invece il nostro Enzo Caporaso tenterà di percorrere 51 maratone in 51 giorni (uno al giorno, partenza da parco Ruffini ogni giorno alle 11), oltretutto senza smettere di andare al lavoro ma semplicemente prendendosi una "pausa" un pò più lunga del solito.
L'ultima maratona, se il record verrà battuto, il 13 aprile.
E così anche Torino, come città ospite, entrerà nel Guinness dei primati.

Articolo su La Stampa: Il Forrest Gump di Torino
Il sito ufficiale dell'evento: http://www.51marathon.com/

Ave, la Tav spagnola

This photo is taken by "catorze14" on Flickr, Creative Commons licence

Inaugurata ieri in Spagna la linea ad alta velocità Ave - Alta Velocidad Española (l'equivalente della nostra Tav) che collega Madrid a Barcellona.

I numeri parlano da soli (fonte: La Stampa) : 659 chilometri percorsi in 158 minuti (due ore e mezzacon una velocità media di 250 km/he massima di 300 km/h), la linea equivale a 90 aerei al giorno e quindi contribuirà a ridurre l'inquinamento per effetto serra prodotto dagli aerei, oltre che collegare direttamente il centro delle due città evitando tempi morti in aeroporto e limitazioni di bagaglio, oltre ovviamente a permettere l'uso dei cellulari e di Internet.

E intanto a me dispiace pensare che in Italia ci si divide ancora in "Si Tav" e "No Tav" e si deve decidere ancora il tracciato definitivo del corridoio 5 (quello della Torino-Lione)... non sono un modernista a senso unico, ma se l'opera davvero garantisse l'impatt…

Sotto la città

This photo is taken by "pietroizzo" on Flickr, Creative Commons licence

Volevo segnalarvi un appuntamento a Torino, per il ciclo di conferenze "Giovedì Scienza", il tema "Scienza e Tecnologia della Metropolitana di Torino", stasera al teatro Colosseo.
Interverrà Ilario Signoretti, ingegnere civile, dirigente del Gruppo Torinese Trasporti - GTT.

Pro Polis

Bee mosaic
This photo is taken by "robynejay" on Flickr, Creative Commons licence


Prima fundamenta commosin vocant periti, secunda pissoceron, tertia propolin, inter coria cerasque, magni ad medicamina usus. commosis crusta est prima, saporis amari. pissoceros super eam venit, picantium modo, ceu dilutior cera. e vitium populorumque mitiore cummi propolis, crassioris iam materiae additis floribus, nondum tamen cera, sed favorum stabilimentum, qua omnes frigoris aut iniuriae aditus obstruuntur, odore et ipsa etiamnum gravi, ut qua plerique pro galbano utantur.

(estratto da: Naturalis Historia, Liber XI, Gaius Plinius Secundus)


Propolis, ovvero "Pro Polis", davanti alla città ovvero, in altre parole, difensore della città.
Questo è quanto ci racconta Plinio il Vecchio (23 - 79 d.C.) del Propoli,sostanza resinosa prodotta dalle api dalla corteccia delle piante.
Nella Naturalis Historia leggiamo che viene utilizzato dalle api per restringere le vie di ingresso dell'alvea…

L'ipotesi che non serve

World on a table
This photo is taken by "j/f/photos" on Flickr, Creative Commons licence

Pur essendo di convinzioni opposte a quelle atee, vorrei riportare una celebre conversazione (forse apocrifa?) tra l'imperatore Napoleone e il fisico, matematico e astronomo francese Laplace (1749-1827) . Laplace sta presentando la sua opera "Exposition du système du monde" (1796) all'imperatore, il quale gli fa osservare che nella sua opera non viene mai menzionato nemmeno una volta il suo Creatore:

Napoleone : « Signor Laplace, mi dicono che lei ha scritto questo grande libro sul sistema dell'universo, e non ha mai menzionato nemmeno una volta il suo Creatore »

Laplace : « Non avevo bisogno di questa ipotesi »

A chiosa, il matematico e astronomo torinese Lagrange pare abbia commentato : « Ah! Questa è una bellissima ipotesi; essa spiega molte cose »

Tre metri sotto terra

Non c'è limite ai tremetristi (o si chiameranno forse lucchettisti?) adolescenti o adolescenziali o post-adolescenziali (scusate la mia incertezza sui termini) emuli dei personaggi del romanzo di Federico Moccia, "Tre metri sopra il cielo" (che simpaticamente ribattezzo "Tre metri sotto terra").. il lucchetto più grande che abbia mai visto: sulla "Via dell'Amore", bellissimo sentiero pedonale tra i paesi di Riomaggiore e Manarola (Cinque Terre, Liguria).

Contromano

Vernazza (Le Cinque Terre - Liguria)
This photo is taken by "Alaskan Dude" on Flickr, Creative Commons licence


Venerdì pomeriggio, sto per partire, un fine settimana alle Cinque Terre, e mi viene in mente questa canzone di Nek:

Contromano

Dammi la mano andiamo via
dai tuoi perché
Sali sul treno e siediti
Qui un posto c'è
Sul finestrino danno il film di un altro anno che va

Prenderemo quello che verrà
Lo faremo soli
Ora tutto parlerà di noi
Sui binari di questa realtà
Ce ne andiamo, vieni
Tu non raccontarlo mai

Dormi piano c'è il sole su Genova
Fammi un regalo sorridi un po'
Sei bella ma
Dai svegliati che andiamo c'è il mondo contro mano che va

Prenderemo quello che verrà
Lo faremo soli
Ora tutto parlerà di noi
Sui binari di questa realtà
Ce ne andiamo, vieni
Tu non raccontarlo mai

Ti darò quel che vorrai
Per due giorni riderai
Vedrai
Che non ci penserai

Prenderemo quello che verrà
Lo faremo soli
Ora tutto parlerà di noi
Sui binari di questa realtà
Ce ne andiamo, vieni
Tu non raccontarlo mai

(N…

San Faustino vs San Valentino

Narcissus reloaded
From "barabeke" on Flickr, Creative Commons licence


La vita è quanto ti accade mentre sei impegnato in altri progetti
(John Lennon)

Eccoci al 15 febbraio, la rivincita dei singles: san Faustino, santo quasi sconosciuto di cui si conosce pochissimo della sua vita se non che morì giovane e visse presumibilmente nel III secolo d.C, epoca in cui esistevano ancora le persecuzioni cristiane nell'Impero Romano.
Un "davide" in confronto al "golia" san Valentino (176-273) , vescovo e martire cristiano, le cui spoglie sono custodite nella basilica sulla collina di Terni.

San Valentino

This photo is taken by "mozzercork" on Flickr, Creative Commons licence

A volte basta un attimo per scordare una vita,
ma a volte non basta una vita per scordare un attimo.

(Jim Morrison)


Omeopatia

In questi giorni sto informandomi sulla Omeopatia, teoria enunciata tra il finire del Settecento e l'inizio dell'Ottocento dal dottor Samuel Hahnemann (1755-1843), tedesco, fondatore della medicina Omeopatica, esposta principalmente nel trattato Organon (1810).

Molto è stato scritto sull'argomento, in ambito scientifico a mio parere interessanti le meta-analisi condotte dal dott. Aijing Shang e colleghi su "The Lancet", la più autorevole rivista medica europea, pubblicate nel numero del 27-8-2005.
L'articolo "are the clinical effects of homoeopathy placebo effects?" conclude affermando che "clinical effects of homoeopathy are placebo effects", ovvero i risultati ottenuti da una cura omeopatica non si discostano statisticamente dall'effetto placebo.

A sostegno della teoria omeopatica, cito un articolo apparso sulla altrettanto autorevole rivista Nature del 1988, il dottor Jacques Benveniste (1935-2004), francese, e della sua teoria (non pr…

Mani sporche

Ieri sera ho assistito alla presentazione del nuovo libro di Marco Travaglio, "Mani sporche", a cui è seguito un dibattito sulla libertà di informazione in Italia. Nato a Torino, giornalista e scrittore, Marco è a mio parere un modello di Giornalismo (con la G maiuscola - permettetemi di scimmiottare chi distingue in altri contesti l'amore con l'Amore), e, insieme ai suoi collaboratori, voce libera e senza condizionamenti del nostro paese, il suo compito come afferma è quello di raccontare fatti ed è proprio questa la sua forza: fatti che, noi gente comune, spesso tendiamo a dimenticare.
Nell'aula magna dello storico ITIS Avogadro di Torino, ha ricordato alcuni dei fatti politici e giudiziari degli ultimi 15 anni, della cosidetta "seconda repubblica", da Mani Pulite a "Mani sporche", ovvero il sistema di corruzione italiano che si è trasformato, un virus che è diventato ancora più potente, che ha subito una mutazione genetica, e che ora si pr…

Essere adulti (The Big Kahuna)

This photo is taken by "ifijay" on Flickr, Creative Commons licence

Ecco una nuova puntata della nostra vita.... leggo e riporto volentieri un'altro contributo di M.
Il monologo è tratto dal film "The Big Kahuna" (1999, regia di John Swanbeck):

Goditi potere e bellezza della tua gioventù. Non ci pensare.
Il potere di bellezza e gioventù lo capirai solo una volta appassite.
Ma credimi tra vent'anni guarderai quelle tue vecchie foto.
E in un modo che non puoi immaginare adesso.

Quante possibilità avevi di fronte
e che aspetto magnifico avevi!
Non eri per niente grasso come ti sembrava.

Non preoccuparti del futuro.
Oppure preoccupati ma sapendo che questo ti aiuta quanto masticare un chewing-gum per risolvere un'equazione algebrica.

I veri problemi della vita saranno sicuramente cose che non ti erano mai passate per la mente, di quelle che ti pigliano di sorpresa alle quattro di un pigro martedì pomeriggio.

Fa' una cosa ogni giorno che sei spaventato: canta!

Non ess…

Arbeit macht frei

Campo di concentramento di Dacau, cancello di ingresso.
This photo is taken by "Hello Hillary" on Flickr, Creative Commons licence

"Arbeit macht frei", ovvero "il lavoro rende liberi", allucinante messaggio di benvenuto in molti campi di concentramento nazisti durante la Seconda guerra mondiale.
Oggi vengo a conoscenza della figura di Martin Niemöller, pastore luterano tedesco che, per le sue parole di denuncia contro il regime fu deportato e internato a Dacau e ne sopravvisse.
Riporto una sua poesia, credo che non abbia bisogno di commenti:

Prima vennero per i comunisti,
e io non dissi nulla
perché non ero comunista.

Poi vennero per i socialdemocratici
io non dissi nulla
perché non ero socialdemocratico.

Poi vennero per i sindacalisti,
e io non dissi nulla
perché non ero sindacalista.

Poi vennero per gli ebrei,
e io non dissi nulla
perché non ero ebreo.

Poi vennero a prendere me.
E non era rimasto più nessuno che potesse dire qualcosa.

(Martin Niemöller)

Essere adulti (Parte Seconda)

This photo is taken by "eschipul" on Flickr , Creative Commons licence

Sto cercando di rispondere a questa domanda, "quand'è che si comincia a diventare vecchi?". Il pretesto per chiedermelo è la citazione del post precedente (nella Parte Prima), eppure mi chiedo, cos'è l' "essere adulti", secondo tale punto di vista, essere adulti oppure essere vecchi ? E' un'esortazione ad essere adulti responsabili oppure è un elegia della vecchiaia e all'immobilismo? Io propendo per la seconda.

E' pacifico che essere adulti significa assumersi le responsabilità delle proprie scelte, in tutti e per tutti i suoi aspetti, che ha tante implicazioni, comunemente accettate (vedasi l'articolo di Repubblica del 22/07, il "sondaggio gioventù e vecchiaia"), ad esempio, vivere in un una casa diversa dai propri genitori, sposarsi o convivere, avere dei figli. E per realizzare questo bisogna giungere a dei compromessi, non si possono magar…

Essere adulti (Parte Prima)

This photo is taken by "GadgetLam" on Flickr , Creative Commons licence

Ricevo stamattina per email da uno dei miei più cari amici, mio coetaneo, una citazione di Marco Paolini, la riporto per riflettere su cosa si intende "essere adulto".
Quello che penso io.. da leggere nella "Seconda Parte"..

".....il tempo oggi è "medio", è quella roba lì né sole né pioggia, quel tempo che descrive l'Italia di oggi, tanto che ti abitui, lui è lì medio ....... il tempo, i tempi andati, quelli che devono venire, il tempo che ti sorprende; l'album dei bambini che crescono ormai ragazzi, che si innamorano si odiano, si arrabbiamo si amano ed amano a volte anche la politica.... adulto è il participio passato di adolescere: colui che ha finito di crescere io oggi conosco molti più adulteri che adulti, adulteri soprattutto di se stessi ovviamente.... un mondo "vecchio" senza essere "adulto": ecco cos'è l'Italia oggi ........ se…

Febrarius

This photo is taken by "withrow" on Flickr , Creative Commons licence

Dopo parecchi giorni di freddo, di pioggia e di neve, a Torino oggi spende il sole, che sia veramente il giro di boa dell'inverno?

L'astronomia lo spiega: il primo febbraio è il punto mediano tra il solstizio di inverno e l'equinozio di primavera: ovvero è stata superata la metà dell'inverno e si entra nella metà che precede la primavera.
A questo dato astronomico, la tradizione popolare colloca in febbraio diverse ricorrrenze: Imbolc (1 febbraio), la festa irlandese e celtica del culmine dell'inverno; la Candelora (2 febbraio), festa cattolica, della Presentazione del Signore e la Purificazione di Maria; i Lupercali (15 febbraio), festa religiosa romana.

Una musica può fare

This photo is taken by "txago" on Flickr , Creative Commons licence

Oggi ho in mente una canzone, del bravo e poliedrico Max Gazzè, e nel periodo di carnevale, una canzone allegra (presentata nel 1999 nella sezione giovani del festival di Sanremo), che dimostra quello che la musica può fare:

Una musica può fare
cantare lililli o lalalla (maggiore)
Una musica può fare
cambiare nininni o nananna
Una musica può fare
dove sei, non mi vuoi, stai con me
Una musica può fare
cosa fai, non mi vuoi, tanto è uguale
Una musica può fare
Salvarti sull'orlo del precipizio
quello che la musica può fare
salvarti sull'orlo del precipizio
non ci si può lamentare

Una musica può fare
dormire i bambini il giorno
una musica può fare
svegliare i bambini la notte
una musica può fare

Solitudini bastate a farsi da mangiare
solitudini bastate a farti innamorare
sotto l'armadio (con la radio)...
sotto l'armadio (con la radio)...
sotto l'armadio

Una musica può fare
amare soltanto parole
una musica può fare
parla…

I giorni della merla

E' fatta: oggi, 1o febbraio, abbiamo superato i tre giorni della merla, anche se a Torino è ancora una giornata piuttosto freddina oltre che grigia.

I "giorni della merla" ovvero tradizionalmente indicati come gli ultimi tre giorni di gennaio, ovvero il 29, 30 e 31, considerati i giorni più freddi dell'anno.

Molto bella e semplice la leggenda (non l'unica) che narra che in quei giorni una merla, allora con un piumaggio bianco, per proteggersi dai rigori invernali si rifugiò con i suoi piccoli in un camino, uscendone tre giorni dopo, quando la temperatura si fece un pochino più mite, riemergendo tutti neri per la fuliggine. Da allora i merli hanno sempre le piume nere.

Approfondimento sui "giorni della merla" su Wikipedia

La foto è stata fatta da "Kumitey", pubblicata su Flickr, Creative Commons licence