Passa ai contenuti principali

Il ritorno dello Zar



"Dio, patria e famiglia". Slogan d'altri tempi quando in Italia si indossavano le camicie di un solo colore, quello nero. Eppure la riforma della costituzione russa del 2020 introdurrà nella carta costituzionale, l'unicità di Dio (per carità, è anche vero, ma lo stato che non associa i propri principi ad una religione è certo preferibile) e della famiglia intesa unicamente come generata da maschio più femmina (per carità ancora, è anche vero questo nel senso esoterico del termine - i principi yin e yang vanno sempre bilanciati - ma non deve essere così rigidamente applicata altrimenti si creano discriminazioni e fraintendimenti, le eccezioni possono essere tante).

La "Madre Russia" (trovo che sia un bel nome) ha alle spalle una tradizione millenaria di regni duraturi che la rivoluzione sovietica non ha cancellato, anzi rafforzato, visto che in età post-sovietica, l'attuale presidente con la nuova costituzione potrà teoricamente restare in carica fino al 2036 (perché il vincolo dei due mandati verrà azzerato con questa riforma, quindi 2 compiuti nel 2024 più altri 2 possibili mandati), ovvero un mandato a vita, dato che nel 2036 compirà 83 anni.

Considerando inoltre che Putin è in carica dal 2000 (più precisamente dal 31 dicembre 1999), potranno essere 36 anni di governo, molto di più di Stalin (1924-1953) e di Gorbačëv (1985-1991) ma pur sempre meno dei quasi quarant'anni di Pietro il Grande (1682 – 1721) !

Link di approfondimento

Foto del Cremlino di Kirill Bikowez da Pixabay

Commenti

Post popolari in questo blog

Oci ciornie (occhi neri)

" Oci ciornie ", ovvero " Occhi neri " nella lingua russa, famosa canzone popolare russa, ha un'origine abbastanza singolare. Infatti deriva da un poesia del 1843, del poeta ucraino Èvgen Pavlovič Hrebinka (un ucraino quindi, non russo). Solo successivamente venne musicata. La versione più celebre, quella che oggi conosciamo deriva da un novarese (si, nato a Novara, Piemonte, nel 1890), Adalgiso Ferraris , compositore appassionato di canti popolari gitani e russi, emigrato prima in Russia poi in Inghilterra. Se quindi una delle più famose canzoni russe è stata musicata da un italiano, è anche vero che la canzone italiana in lingua napoletana più famosa, 'O Sole mio , è stata sì scritta da Eduardo Di Capua , ma ad Odessa , in Ucraina, nel 1898, e sembra ispirata ad un'alba sul Mar Nero ! Ecco il testo della canzone, nella versione originale di Hrebinka  :     Occhi neri, occhi appassionati     occhi infuocati e bellissimi,     quanto vi

Il presente e' un dono

" Ti preoccupi troppo di ciò che era e di ciò che sara’. C’è un detto: ieri è storia, domani è mistero, ma oggi è un dono ed è per questo che si chiama presente " (il saggio Oogway , la tartaruga, maestro di Kung Fu, parla a Shifu , il panda rosso ) Li chiamano cartoni animati, ma in realta' alcuni tra essi sono molto di piu' che storielle semplici per bambini. Basterebbe che molti adulti li vedessero con gli occhi disinibiti e deprogrammati da bambino per imparare tante cose, concetti davvero semplici e basilari ma che trovo siano profondamente veri. In fondo e' proprio nella semplicita' delle cose la vera essenza. Nel caso del cartoon Kung Fu Panda (2008, recentemente trasmesso in televisione) si possono anche trovare concetti di PNL ( programmazione neuro linguistica ) come si puo' leggere in questo blog anche se la radice di questo concetto risale molto indietro, piu' di duemila anni fa, alla filosofia orientale, e che puo'essere sperim

Monte Cervino

Parete sud del Cervino scattata da Plateau Rosa - foto di Luca Galli, c.c. su Flickr Matterhorn in tedesco, Cervin in francese, Cervino in italiano. E' alto 4478 metri dal livello del mare, un'altezza notevole, se si pensa che la montagna più alta d'Europa, il Monte Bianco è alto poco più di 4800 metri s.l.m. L'origine del suo nome deriva dal francese Cervin che deriva dal latino " silvanus ", cioè boscoso. Infatti da silvanus si è arrivati a servin (pron. "servèn") che, trascritto erroneamente da un cartografo sabaudo, diventa cervin (che in francese ha la stessa pronuncia). Il toponimo in tedesco, "Matterhorn", invece deriva da " matt " che significa prato (infatti Zermatt, località svizzera, è "il prato") e " horn " che vuol dire "corno". Quindi il Cervino è "il corno del prato" o "la vetta sopra il prato". In entrambi i casi, bosco o prato, la toponomastica indica ch